Trarre il meglio da quel che c’è!

11 Mag

Leggendo il blog di Annamaria Testa mi sono imbattuta in una riflessione che mi è davvero piaciuta molto, ovvero su come, in tempi di crisi, l’arte di ricavare piatti succulenti dagli avanzi del giorno prima possa divenire una metafora della creatività.

“La metafora del cucinare con gli avanzi mi sembra suggestiva e fertile perché rimanda a un gesto per eccellenza creativo: ottenere buoni risultati con molti vincoli, partendo da risorse scarse e agendo con tutta la flessibilità necessaria  a trasformare un difetto, un errore o una carenza in uno stimolo.
È qualcosa di sostanzialmente diverso dall’arrangiarsi: nel primo caso, si tratta di sopperire a una mancanza mettendoci un di più di energia e di inventiva, fino a ottenere un risultato eccellente e inatteso. Nel secondo caso, si tratta di rabberciare una soluzione qualsiasi, mescolando improvvisazione, furbizia e, se serve, faccia tosta”.

Annamaria Testa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: